MICHELIN, molto più di un produttore di pneumatici

Michelin

Nel mondo ce ne sono milioni e milioni di pneumatici filmano quotidianamente, ma non sono affatto tutti uguali, anche se si assomigliano all'esterno. Anche i produttori non sono gli stessi, poiché hanno filosofie, metodi di produzione, tecnologie e sguardi al futuro diversi. Proprio in tutto questo c'è un'azienda che si distingue, MICHELIN.

Ed è che il marchio di pneumatici più noto al mondo è molto consapevole che, affinché le nostre generazioni future possano godere di a pianeta sano e sostenibile, devi iniziare a lavorare molto prima. Attualmente, infatti, 6.000 persone lavorano tra ingegneri, ricercatori, chimici e sviluppatori del Gruppo per conquistare l'ambizioso seguenti obiettivi:

  • Prima del 2030, ridurre del 20% la resistenza al rotolamento degli pneumatici.
  • Nel 2030 ridurre del 50% le emissioni di CO2 nel processo produttivo.
  • Nel 2030 il 40% delle materie prime è di origine vegetale o sostenibile.
  • Nel 2050 il 100% delle materie prime è di origine vegetale o sostenibile.
  • Nel 2050 tutte le fabbriche saranno carbon neutral.

200 ingredienti, alcuni dei quali riciclati

Turismo sostenibile approvato da pneumatici Michelin

Uno pneumatico MICHELIN lo è un oggetto high-tech, ora più che mai, in cui vengono investiti più di 200 ingredienti diversi. Questi ingredienti, perfettamente selezionati e dosati, generano prestazioni, durata, comfort e anche una significativa riduzione dell'impatto ambientale. Perché la sostenibilità non deve mai compromettere la sicurezza.

In questo 2022, infatti, il produttore ha presentato a pneumatico da turismo omologato realizzato con il 45% di materiali sostenibilicome gomma naturale, oli e resine a base biologica, componenti di pneumatici riciclati, rinforzi tessili, silice da gusci di riso e acciaio riciclato.

Il primo pneumatico a bassa resistenza al rotolamento del marchio francese è stato lanciato nel 1992. Attualmente, la gamma a bassa resistenza al rotolamento è la Primacy, con il MICHELIN Primacy 4+ lanciato di recente che riduce sia le emissioni di CO2 che il consumo di carburante.

Attualmente, parte della produzione di pneumatici viene effettuata utilizzando prodotti riciclati come bottiglie di plastica riciclate e altri materiali sintetici ecologici. Ma cosa succede dopo con le gomme che buttiamo via?

Una seconda possibilità, una seconda vita per migliorare la sostenibilità

Michelin realizzato con materiali riciclati

Come abbiamo detto all'inizio, milioni di pneumatici Vengono prodotti ogni anno per i diversi veicoli utilizzati quotidianamente. Dalle autovetture agli autobus, passando per biciclette, motociclette, veicoli per opere civili industriali, camion o persino aerei. Pertanto, finiscono anche la loro prima vita.

Dopo un processo di raccolta e trattamento, questi pneumatici usurati vengono riutilizzati per, ad esempio, creare materiali di imbottitura per parchi giochi per bambini, pavimentazioni stradali, erba artificiale e anche per parte della composizione di pneumatici nuovi.

Da tutto quanto sopra, in termini di sostenibilità, possiamo dire che MICHELIN lavora per prendersi cura del pianeta in tre fasi:

  • Nella creazione del pneumatico sia dai materiali utilizzati che nelle fabbriche stesse
  • Durante la vita utile principale del pneumatico
  • E dopo l'uso, con il riciclo selettivo per riutilizzarlo in diversi ambiti

In totale, più di 124.000 persone lavorano direttamente per Michelin, azienda presente in 177 paesi e che ha 68 centri di produzione di pneumatici. Il fatto che più ci apre gli occhi sull'importanza di queste tecnologie, sostenibilità e riciclaggio è che il produttore francese ha prodotto niente di meno 173 milioni di pneumatici nel 2021.

Ruote di fabbrica Michelin


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.