I migliori multimetri per la tua auto

migliori multimetri

Molte persone pensano che a Multimetro è un dispositivo complicato di cui solo un elettricista può usufruire. Tuttavia, quelli che ogni tanto si rimboccano le maniche per fare riparazioni a casa o autoSanno che è uno strumento molto utile che può aiutarci a risparmiare un sacco di soldi.

Se dai un'occhiata ai nostri tutorial sulla meccanica automobilistica, vedrai che le parole multimetro, multimetro o tester compaiono molto frequentemente. Ad esempio, è ciò che ti dirà se un altoparlante riceve alimentazione o deve essere cambiato, se il riscaldatori del tuo motore diesel funziona e anche qual è il motivo per cui le luci non si accendono, quando non è una semplice lampadina bruciata.

Pertanto, qui andiamo a spiegare cosa dovresti cercare se vuoi comprare un multimetro. Vedrai che esiste una vasta gamma di modelli con capacità molto diverse, che potrebbero passare inosservate ad alcuni, ma che possono essere molto utili a seconda della situazione.

Confronto dei migliori multimetri

Confronto di diversi multimetri

Multimetro digitale LCD Toolwiz XL830L

Partiamo da un modello molto abbordabile ma allo stesso tempo ha delle qualità molto interessanti. Tanto che lo collocano al di sopra di molti multimetri nella sua fascia di prezzo. La prima virtù da tenere in considerazione è quella, oltre a misurare tensione in Corrente Continua e Corrente Alternata, Amp in corrente continua, Resistenza, diodo y continuità, offre anche funzioni per capacità, la frecuencia, la temperatura, NPN, PNP y hFE.

Tutto ciò lo rende un modello eccezionalmente completo per i pochi soldi che costa. Questo dovrebbe essere preso in considerazione se molte di queste funzionalità avanzate devono essere utilizzate. Inoltre, non solo include i puntali, ma è anche dotato di una pratica piastra di supporto in modo che rimanga in posizione sdraiata mentre operiamo con esso e alcuni batteria.

Multimetro digitale Aokozo 21A

Questo secondo modello continua a muoversi all'interno della fascia di prezzo bassa, ma presenta anche caratteristiche tipiche dei multimetri più costosi. L'Aokozo 21A ha anche un buon numero di funciones: tensione in Corrente Continua e Corrente Alternata, Ampere in corrente continua, Resistenza e Continuità, prova diodi e transistor.

Multimetro digitale AmazonCommercial DT-916N

Il terzo modello che ti proponiamo è un po' più costoso, ma grazie a quello può misurare tensione e amperaggio in corrente continua e alternata, temperatura (tipo K), frequenza, più 13 funzioni di misura. Ha anche l'intervallo automatico, quindi non dovrai selezionarlo con nessuna ruota e ha la conservazione dei dati.

A questo dobbiamo aggiungere che oltre ai tipici cavi di prova e la batteria per poter funzionare, anche include una sonda di temperatura. avendo Account 4000, ha una risoluzione leggermente maggiore nelle misurazioni rispetto ai multimetri precedenti e il suo schermo LCD si accende operare in luoghi bui.

Tankool CM06 Multimetro digitale con pinza amperometrica

Si noti che il quarto modello di cui parleremo ha una qualità molto interessante per alcuni lavori sull'auto: la pinza amperometrica. Con esso si possono misurare gli ampere senza dover aprire il circuito per interporre i puntali del multimetro. Ad esempio, è utile se vuoi verificare la presenza di un consumo elettrico anomalo nell'auto, provocando la scarica prematura della batteria.

In aggiunta a questo, è un multimetro con alcune qualità di gran lunga superiori al resto di questa lista. Lui è in grado di farlo misurare fino a 600 A e 600 V, sia in corrente continua che alternata (6.000 conti di risoluzione). Consente la misurazione di Resistenza, Capacità, Frequenza, LOWz, NCV Test e Duty Cycle. Inoltre ha un display a bassa tensione, spegnimento automatico e conservazione dei dati.

Come scegliere un multimetro

Cosa dovresti cercare quando acquisti un multimetro - Consigli per l'acquisto

Lo vedrai nelle specifiche dei multimetri seri, alcuni valori alquanto criptici. Questi si riferiscono a fattori come la sua precisione o la sua risoluzione, che sono caratteristiche molto diverse, e che determinano largamente la qualità del modello in questione. Qui ti diciamo cosa significano veramente e cosa dovresti cercare.

Risoluzione

Questo valore è normalmente indicato con numeri come 2.000, 4.000, 6.000 conti... In linea di principio, indica quanto finemente il multimetro può misurare in ciascuno dei suoi intervalli. Ad esempio, se selezioniamo 20 V e ha 2.000 conteggi di risoluzione, significa che sarà in grado di misurare fino a due decimali: 20,00 V. Se scegliamo l'intervallo 2 V, sarà in grado di misurare fino a tre decimali posti: 2,000 V.

Nelle misurazioni basse e intermedie, che un multimetro abbia più conteggi (ad esempio 6.000), non significa che offrirà una risoluzione maggiore. Quando indica un valore così alto, di solito è un segno che i suoi intervalli di misurazione funzionano a passi più grandi. Ad esempio: avere la possibilità di scegliere 60V invece di 20V e mantenere comunque la stessa risoluzione decimale. In questo caso fino a 60,00 V. Anche in questo caso, se scegli l'intervallo più piccolo successivo, 6 V, sarai in grado di misurare fino a tre cifre decimali: 6,000 V.

Dove noterai la differenza di risoluzione è a intervalli di misurazione più elevati. Se il tuo multimetro ha 2.000 conteggi, ma misura fino a 600 V, non sarà in grado di arrivare al punto decimale. Ma se ha 6.000 conteggi, sarà capace: 600,0 V. Come puoi immaginare, avrà senso solo acquistare un multimetro con una risoluzione maggiore di quella in questo esempio, se lo utilizzerai in gamma e necessità di una messa a punto.

Precisione

Sebbene il nome possa sembrare lo stesso della risoluzione, questo fattore si riferisce al tasso di errore del contatore. Normalmente è indicato con una percentuale al di sopra o al di sotto del valore reale: 1,2%, 1,5%, 2%...

A questo dobbiamo aggiungere un numero che viene aggiunto in seguito: 1%+2, 1,5%+3, 2%+5… Questo è un aggregato che indica il numero di conteggi che l'ultima cifra della misurazione può variare. Ad esempio, se la corrente effettiva è 100 V, un multimetro con una precisione del +-1% potrebbe leggere 101,0 V o 98,0 V e se ha un +2 nelle specifiche, può arrivare a indicare 101,2 V o 98,8 V.

L'aggregato (+2, +3, +5…) diventa molto più rilevante quando si misurano valori molto piccoli. Immagina che ciò che stai misurando sia solo 0,4 V e che il numero possa aumentare o diminuire di due decimi. La percentuale di errore è molto più alta rispetto a intervalli più ampi.

Gli esempi di precisione che ti mostriamo in questa sezione sono comuni nei tester di fascia media. Sebbene precisioni molto più elevate si possono trovare nei migliori multimetri professionali. Ma ovviamente, i loro prezzi possono essere moltiplicati per 10 o più. Basta dare un'occhiata a quanto costa un multimetro Fluke. Soprattutto se è di fascia alta.

Precisione e risoluzione di un multimetro, multimetro o tester

Numero di funzioni

Se si desidera il multimetro per i tipici lavori di riparazione auto o domestici di base, non è necessario che abbia molti tipi di funzioni. I soliti che troverai sono quelli di misurazione tensione e amperaggio in corrente continua e alternataOltre Resistenza, la misura del diodo e continuità. Anche la misurazione della temperatura può essere interessante.

Altri più avanzati come la misurazione di transistor, di frecuencia, Prove NCV o di capacità elettrica sono più tipici dei lavori di elettricista ed elettronica. Ecco perché sono meno frequenti nelle riparazioni che di solito si fa a casa del proprio veicolo.

Le misure di sicurezza

Come consigliamo in qualsiasi confronto di prodotti, la sicurezza deve essere al primo posto in qualsiasi dispositivo. Ecco perché è importante che il multimetro digitale che acquisti sia conforme almeno alle seguenti misure di sicurezza:

  • Puntali sicuri con terminali coibentati e sagomati antiscivolo
  • Fusibile di protezione degli ingressi attuali.
  • che i fusibili sono alta energia. Sempre un po' al di sopra di quanto misura il multimetro. Ad esempio, se raggiunge i 600 V, il fusibile deve resistere fino a poco più di quella tensione.
  • protezione da tensione in modalità Resistenza (Ω). Ad esempio: 250 V o più.

Come usare un multimetro: misure di sicurezza

Come usare un multimetro per principianti

L'uso di un multimetro non è complicato una volta che sai cosa può fare ciascuna delle misurazioni. Anche se è un multimetro professionale. La prima differenziazione che deve essere chiara è quella delle tipologie di corrente:

  • Corrente continua (CC): è la corrente quando gli elettroni viaggiano solo in una direzione. È quello emesso dalla batteria dell'auto, per esempio. Sul multimetro è indicato da una linea orizzontale con una linea tratteggiata sotto di essa. Anche con le iniziali CC (corrente continua).
  • Corrente alternata (CA): è quando gli elettroni cambiano direzione con una certa frequenza. È quello che può essere misurato nell'alternatore. Sul multimetro è indicato da una linea ondulata. anche con i testi AC, che sono gli acronimi del suo nome in inglese: Corrente Alternata.

Una volta che conosci la differenza tra queste due correnti, devi conoscere le diverse misure di base che si possono fare con un multimetro:

  • tensione: è la tensione ed è indicata dalla lettera V per Volt. Normalmente le batterie per auto sono 12 V CC. Nella presa domestica di una casa si trovano invece 230 V.
  • Amperaggio: è l'intensità della corrente ed è indicata dalla lettera A per Amps. Una batteria per auto ha un valore indicato in questa unità di misura. Ad esempio: 44 A, 65 A o anche 100 A. Qual è l'intensità massima che è in grado di erogare per un istante. Un esempio di casa può essere trovato nella tua scatola dei fusibili, dove vedrai amperaggi come 16 A, 20 A, 25 A, 30 A o anche 40 A.
  • Resistenza: è l'opposizione della corrente del conduttore e si misura in Ohm, indicata dalla lettera greca Ω. Ad esempio, questa funzione viene spesso utilizzata per verificare se la resistenza di un determinato circuito o dispositivo è al valore corretto. Richiede la conoscenza di quale sia la resistenza adeguata affinché funzioni. Ad esempio un bobina di fine l'elettronica è solitamente compresa tra 0,3 e 1 ohm di resistenza. Se ciò che viene misurato ha più resistenza, significa che il suo circuito interno ha qualche contatto indesiderato dove perde. Se la resistenza è infinita, significa che il dispositivo o il circuito è interrotto e non passa corrente.
  • continuità: in realtà misura come la resistenza, ma in un modo più comodo con un avviso acustico. Con esso, si tratta solo di verificare se il circuito è interrotto o meno. Il multimetro emetterà un segnale acustico se la corrente passa e sarà silenzioso se viene interrotta. In questo modo non devi guardare lo schermo mentre controlli le diverse connessioni. Si usa, ad esempio, per controlla se ogni fusibile è bruciato o meno.

Da qui, abbiamo già iniziato a parlare funzionalità più avanzate, che richiedono maggiori conoscenze tecniche. È il caso del test dei diodi, della misura della capacità elettrica, della misura del transistor, della misura della frequenza, dei test NCV, del rilevamento del telecomando a infrarossi, del termometro... Se vuoi saperne di più su questo argomento, ti consigliamo il seguente articolo: Come usare un multimetro.

Come sapere se un multimetro è danneggiato

I multimetri hanno protezioni per prevenire danni in caso di errore. Ad esempio, i fusibili che si bruciano se vengono superati determinati livelli non supportati dal dispositivo. In questi casi il multimetro lo indicherà sullo schermo o rimarrà spento a seconda del modello. A quel punto il fusibile deve essere sostituito. Pertanto, è conveniente avere fusibili di scorta e persino acquistare un modello che li porti nella scatola.

Nel caso in cui il danno sia stato maggiore. Anche se cambiamo il fusibile il display del multimetro digitale non si accende affatto. La cosa normale in questi casi è che devi comprarne uno nuovo, anche se nel caso di professionisti (e più costosi) possono anche essere mandati in riparazione.

Schermo spento nel multimetro: come sapere se è danneggiato

Come funziona un multimetro?

I multimetri funzionano grazie a a resistenza quando misurano l'intensità di corrente (A) o la tensione (V). Nel caso in cui vengano misurati gli ampere, viene posizionato in serie. Cioè, aprendo il circuito e aggiungendo il multimetro al suo interno (a meno che non abbia una pinza amperometrica). Nel caso in cui si misurano Volt, si mette in parallelo, cioè non è necessario interporre il multimetro all'interno del circuito, perché basta toccarne i puntali.

Quando il multimetro misura la resistenza (Ω), utilizza a mucchio per far circolare una corrente attraverso il circuito e misura la corrente di ritorno con a potenziometro. Ecco perché non dovrebbe essere utilizzato in un circuito sotto tensione, su condensatori, ecc. In caso contrario potrebbe danneggiarsi o almeno bruciare il fusibile che protegge il multimetro.

Opinioni finali: quale multimetro è meglio?

A nostro avviso, trattandosi di dispositivi relativamente economici, non è necessario lesinare troppo su di essi. Il modello Meterk MK06 Multimetro digitale con pinza amperometrica, include un gran numero di funzioni e misure di sicurezza, pur mantenendo una ragionevole facilità d'uso. Pertanto, è una nostra scelta rispetto agli altri modelli, che hanno buone qualità, ma non valgono tanto solo per risparmiare qualche euro.